TTG di Rimini: tre giorni di turismo innovativo

Il settore del turismo ha subito e sta subendo un enorme arresto negli ultimi tempi a causa delle restrizioni imposte dal governo per contrastare il Covid-19, nonostante questo, il mondo dei viaggi non si è fermato e il TTG di Rimini n’è un esempio, qui si respira l’aria di quelli che in tre giorni hanno presentato le loro proposte di turismo innovativo

Le anime del TTG di Rimini e del turismo innovativo

Da un lato gli stratupper con le loro idee esplosive e creative, con il sorriso, con uno spirito resiliente, con tanta voglia di fare e di reagire e dall’alto i colossi affermati che con la loro esperienza fanno scuola in questo periodo difficile. Entrambi uniti dalla sentimento necessario e imprescindibile di fare sempre meglio e di soddisfare a pieno i bisogni del viaggiatore. Di bisogni si è parlato molto, perché adesso tutti gli studi e le analisi fatte per colpire al meglio il proprio target di riferimento si azzerano, la situazione è cambiata. Le persone vogliono stare vicine, vogliono aggregarsi ancora di più ed è qui che il valore della community cresce a livelli esponenziali

Il cambiamento del settore turistico al TTG

Se prima andare in vacanza significava fare un viaggio di una settimana o poco più in Europa o Oltreoceano, adesso, è compito di tutti restare in Italia. Di conseguenza, l’offerta italiana deve soddisfare i bisogni di tutti, ma soprattutto deve arrivare a essere a portata di click. Il web, l’e-commerce e i social media la fanno da padroni durante questo periodo, quindi comunicare e saper spiegare alla propria community o ai propri clienti le difficoltà attuali o le proposte per loro è essenziale. Ciò che non è mai cambiato è il forte senso di appartenenza che il cliente viaggiatore vuole avere con il brand. Comunicare i propri valori e le proprie iniziative fidelizza e fa sentire i turisti partecipi. 

La Travel Customer Journey innovativa tre giorni di storytelling

Durante i tre giorni di TTG si è anche parlato di quanto la Travel Customer Journey del viaggiatore sia cambiata, se prima c’erano diversi case studies sui quali fare riferimento, adesso si è ancora nella fase di osservazione e di analisi. Da questi studi è emerso che la parola attorno alla quale tutto ruota è share, condividere, cioè parlare alla community, ma personalizzando, dando importanza al singolo. Storytelling è insieme a share un concetto importantissimo nel marketing del territorio, perché permette di andare a fondo e di raccontare la storia e le tradizioni.

Il Deep Tourism dei territori

Deep tourism è l’altra parola chiave del TTG e dell’innovazione, scopriamo quello di cui si tratta. Deep in inglese significa profondo e in questo caso è inteso come andare nel profondo, scavare per scoprire la vera essenza di un prodotto. A livello turistico significa che l’operatore, alla luce della sua profonda esperienza del territorio, riesce a scavare nel profondo, creando un itinerario legato a tradizioni e peculiarità invisibili a un turista fai da te. Questo significa non solo dare valore aggiunto, ma anche innovare. Oggi i territori devono avere un marketing solidissimo per poter emergere e sostenere gli operatori che ce la stanno mettendo tutta per regalare alle persone emozioni. 

L’essenza dei tre giorni di TTG di Rimini

Emozioni è la vera essenza del turismo e il TTG ne fa provare tante, dietro a ogni stand c’è passione e resilienza. Ho trovato occhi che brillavano quando gli operatori mi raccontavano dei loro progetti di business. Ho trovato un unico valore congiunto l’uomo al centro di tutto e la dedizione nella ricerca di unicità e autenticità. 

VUOI SAPERNE DI PIÙ SU QUELLE CHE SONO SECONDO ME LE PROSPETTIVE DEL TURISMO DI QUEST’ANNO LEGGI IL MIO ARTICOLO QUI